Da: Joshua Cesa
Oggetto: Informazioni
Data: 23 giugno 2006 3:05
A: prof. Carlo Tasso

Buongiorno professor Tasso,

Le scrivo per presentarle alcune riflessioni e per farle una proposta. (...) Le scrivo in merito al sito MyTWM http://twm.dimi.uniud.it/, accessibile in teoria a tutti gli studenti dell'Ateneo. (...)

Arrivo al punto: la cosa che mi ha colpito è il "digital devide" (se vogliamo dirla così) all'interno del nostro stesso Ateneo. Mi spiego: noi, alle prese con professori che vedono un PC come una benedizione - o come una maledizione a seconda dei momenti -, costretti a farci le liste degli esami a mano - della serie "Sindy: questo sconosciuto" -, rassegnati al passaparola per revisioni ed appelli spalmati su giorni e giorni abbiamo deciso di creare un progetto, un sito web ed una mailing-list, per lo scambio di materiale e di informazioni, url http://www.audine.net/. Giusto in questi giorni, inoltre, ho concretizzato un'idea: riunire tutte le iniziative analoghe alla nostra e ne è uscito questo progetto: http://uniud.altervista.org/, banale, ma che forse invoglierà altre persone a seguirci e concentrerà le forze per realizzare qualcosa di migliore e più completo, per il bene della "comunità" (uso termini astratti, ma la realtà conferma). Stiamo perfino ipotizzando di creare un sito dinamico, sborsando di tasca nostra i soldi per il dominio, l'hosting e gli eventuali servizi (pensavamo a notifiche tramite SMS), volto esclusivamente a diffondere appunti, programmi gratuiti, notizie e quant'altro possa servire allo studente.

Ora, il lavoro che abbiamo fatto e che stiamo facendo lo facciamo molto volentieri, è bello, sembra essere utile e ciò basta a non farcelo pesare. Il problema è che abbiamo dovuto sopperire noi a dei deficit - forse di gioventù quindi del tutto leciti - dell'Università, magari sperando un giorno che ciò non resti una cosa "a parte" ma diventi integrata nell'offerta dell'Università, come lo è - per dire - la mensa agevolata o cittàteneo. La cosa triste invece è vedere oggidì da una parte un concentrato di tecnologia, quello che noi - a grandi linee - cerchiamo di realizzare, riservato ed utilizzato da una stretta cerchia di persone, e dall'altro entropia e disinformazione.

Ci stiamo muovendo pian piano per colmare queste lacune, d'altronde è collaborando che si ottengono i migliori risultati. Concludendo - e scusandomi per la prolissità -, in quanto responsabile del progetto MyTWM, persona estremamente qualificata (ovvero che capisce appieno i discorsi tecnico-logistici che le potrei/potremmo porre) e soprattutto, suppongo a rigor di logica, promotore - e quindi mosso dallo stesso spirito propositivo nostro - dell'iniziativa MyTWM le chiedo di iniziare una "collaborazione" per tentare di superare questo grosso gradino, permettendo pian piano, magari semplicemente consigliandoci o - se lo desidera - impegnandosi, di dare a tutti gli studenti le stesse opportunità e le stesse potenzialità.

La ringrazio molto per l'attenzione, in attesa di sua risposta le porgo i miei più cordiali saluti.

Joshua Cesa

aggiornamenti

Non è ancora giunta risposta: forse sarà il modo di porsi sbagliato oppure i numerosi impegni del professore.

www.audine.net | sito conforme W3C: XHTML 1.1, CSS | cerca
tutti i contenuti pubblicati, salvo diversa indicazione, sono soggetti alla licenza CC Creative Commons by-nc-nd 3.0