Elezioni 2009

Pubblichiamo, come per le elezioni 2007, i documenti relativi alle liste studentesche in corsa per i vari organi d'Ateneo. Il materiale qui raccolto probabilmente è incompleto: invitiamo a segnalare mancanze ed errori, ricordiamo altresì che questa pagina è aperta a tutte le liste – senza censura alcuna – che volessero pubblicare materiale. Nello specifico del nostro Corso di Studi ricordiamo che il sito www.audine.net è e rimarrà uno spazio degli studenti di Architettura di Udine che verrà condiviso tra tutte le liste – se ce ne saranno – e tra tutti i futuri rappresentanti degli studenti in C.C.S., nonché a coloro che vorranno adoperarsi per il bene comune.

Caffè Architettura

lista Caffè Architettura

Per una facoltà autonoma, per un corso di qualità, per una vera rappresentanza.

Lesanspapiers

lista Lesanspapiers

Premessa “Passano gli anni ma tutto rimane sempre uguale. Tanti proclami ma alla fine il nulla. Sempre le solite storie, sempre le solite promesse. Noi saremo diversi, noi cambieremo le cose”. Eravamo tentati di esordire con questa formula collaudata intrisa di proclami e demagogie, ma siamo convinti che senza la vostra collaborazione, la collaborazione di tutti quanti, nessuno dei punti che andremo ad elencare, e niente di ciò che scriveremo in questo documento si potrà realizzare. In cosa consiste questa collaborazione? Consiste nel più semplice tra gli esercizi di democrazia: il voto. Questo potentissimo strumento, che è enormemente sottovalutato, è l’unico modo per dare voce al nostro futuro. L’arcaica legge elettorale che vige negli atenei italiani , impone di avere una particolare attenzione al meccanismo di voto, infatti si vota solo il 13 Maggio e solo dalle 09.00 alle 17.00. Questo appena descritto non è solo il tempo di permanenza del seggio elettorale, ma anche l’unica occasione per i prossimi due anni di cambiare le nostre condizioni. Vorremmo ulteriormente aggiungere che il tempo delle parole è finito, che è ora di passare dalle parole ai fatti, ma il centro focale della questione si trova tutto in quest’ultima frase, noi non abbiamo neanche parlato ci stiamo facendo cancellare in silenzio. La nostra lista è espressione delle più disparate realtà degli studenti a Gorizia, ma tutti noi indipendentemente dal corso di laurea di appartenenza, abbiamo un comune denominatore, siamo qui a Gorizia per imparare a comunicare, perché in fondo è questo che noi facciamo. Siamo bravi, interpretiamo gli eventi, li produciamo, li realizziamo. Però non sappiamo esprimere il disagio che viviamo in questa città. Quindi non vi si chiede di cambiare, ma semplicemente esprimete ciò che provate comunicandolo. Il 13 maggio riprendiamoci il dono della parola, Il voto è un nostro dovere allo scopo che in fine ci siano concessi i nostri diritti. La lista “Lesanspapiers” attraverso i suoi rappresentanti si propone come obiettivo principale l’equiparazione, non solo sulla carta, della sede goriziana dell’Università a quella centrale di Udine. Attraverso la sinergica e intensa serie di azioni tra noi e gli altri corsi di laurea che si renderanno utili a proporre ed attuare nei vari Organi di Governo di Ateneo delle proposte realizzabili, che possano agevolare la vita dello studente a Gorizia . Nello specifico Generale di lista i punti comuni ai tre corsi di laurea:

La progettazione attraverso la collaborazione tra il nostro l’ateneo quello di Trieste insieme agli enti locali, affinché a Gorizia sia destinato uno spazio per la realizzazione di un centro polifunzionale comune agli studenti dei due atenei, che possa accentrare e soddisfare tutte le esigenze delle attività extradidattiche ( pallavolo, calcio, eventi, cineforum), in pratica un centro universitario goriziano che sia punto di convergenza tra studenti di Trieste e Udine, nella stessa ottica occorrerebbe destinare uno spazio per una vera mensa universitaria unica da condividere con gli studenti di Trieste, che rientrerebbe in una politica di ottimizzazione e razionalizzazione dei costi, che a nostro avviso è l’unico percorso possibile per la salvezza degli atenei in generale

Rafforzamento delle attività culturali e ricreative d’Ateneo, non limitate alla sola Udine

Dams La parola chiave in questi giorni è disinformazione, unita ad un’inevitabile confusione ed incertezza per il futuro degli studenti, ma anche dello stesso corso di laurea. Fare chiarezza e contribuire a quello che sappiamo sarà inevitabile, è fondamentale. Dobbiamo avere voce in questa crisi che condizionerà il nostro futuro più prossimo.

Relazioni pubbliche In teoria il corso meno in pericolo di tutti, in realtà strani fenomeni di sparizioni di indirizzi e di valenti professori sono gli eventi che hanno caratterizzato l’Anno Accademico. L’infelice entrata in vigore del sistema Esse3, i lavori in via Diaz che di fatto ci hanno espropriato del Wifi, gettano sul corso di laurea un’ ombra che non dovrebbe esserci. Siamo consci che siamo prima di tutto vittime di troppe riforme istituzionali, in troppo poco tempo, ma dobbiamo e possiamo fare tutti meglio.

Traduttori e Interpreti Questo è il corso “cenerentola” dell’Università di Udine con sede a Gorizia. Occorre garantire agli studenti aspiranti traduttori o interpreti la possibilità non tanto di esistere, ma di laurearsi senza ostacoli. Se così non fosse questo corso con grandissime qualità e potenzialità, risulterebbe un inutile spreco e di tempo e denaro sia per gli studenti sia per l’ateneo. Per inciso è anche doveroso ricordare che questo corso di Laurea è il nucleo storico dell’Università di Udine a Gorizia, e che, con questa chiusura, si chiude una pagina di storia goriziana. Senza il vostro apporto ed interesse le cose che avete appena letto saranno solo parole, e tutto rimarrà esattamente com’è adesso, è questo nella migliore delle ipotesi. Nella peggiore tutto cambierà e non per il meglio, e se non avrete preso parte a questa iniziativa, perché come tutti in questo paese avrete dimenticato che non ci possono essere università senza studenti, allora, a quel punto, nessuno potrà più aiutarci. Aiutateci ad aiutarvi. Stiamo lavorando per tutti noi.

lista ListAperta

NeoAteneo

lista NeoAteneo

Negli ultimi due anni non è stato fatto abbastanza. Noi pensiamo che si possa fare di più, in un modo diverso, più vicino all’interesse e ai diritti dello studente. La vera intuizione è stata quella di unire le nostre forze, di pensare in grande, perché solo così possiamo garantire miglioramenti che possano interessare ogni singolo studente. Così nasce NeoAteneo, dall’unione delle esperienze di AltreMenti, degli Studenti Autoconvocati e de L’AlternAttiva. Esperienze diverse, che, unendosi in unico soggetto assieme a tutte quelle persone che hanno la volontà e il desiderio di mettere in luce un modo di intendere la rappresentanza studentesca nuovo e innovativo (almeno per l’Università di Udine), vogliono reagire all’attuale passività e immobilità di gran parte dei rappresentanti degli studenti (pensiamo a quello che è stato Student Office negli ultimi due anni…).

Pur non essendo partitici, ovvero non afferendo a nessun partito politico, non possiamo definirci apolitici, dal momento che intendiamo la rappresentanza studentesca come un momento fondamentale della vita universitaria, da vivere in modo autenticamente politico, cioè in relazione ai fini della collettività studentesca e prestando attenzione ai mezzi che permettono la loro realizzazione: questo per dire che la rappresentanza studentesca che abbiamo in mente è essenzialmente “attiva” (e proprio per questo politica nel vero senso del termine). Ci poniamo, ovvero, l’obiettivo primario e concreto di porre al centro del nostro impegno gli interessi degli studenti (di tutti e non solo di una parte) in tutti gli organi in cui porteremo la nostra voce. In questo senso riteniamo che sia necessario un rapporto completamente nuovo con le sfere ed i meccanismi decisionali che non tema il confronto, il dibattito o l’espressione di punti di vista anche “scomodi”.

Per realizzare il nostro lavoro intendiamo prestare seria attenzione alla comunicazione, ricorrendo a mezzi opportuni ed efficaci (bacheche, blog, forum, mailing list, …) al fine di informare gli studenti relativamente alla vita universitaria e al fine di essere reperibili per poter accogliere anche le esigenze, le proposte e le critiche. In questo senso siamo convinti che il rappresentante debba assumere un ruolo pubblico, ovvero riteniamo che esso non si debba limitare ad occupare il seggio in cui è stato eletto perdendo completamente il contatto con gli studenti (come spesso è accaduto!).

Oltre a ciò, facendo tesoro dell’esperienza delle recenti manifestazioni studentesche, siamo convinti che sia necessario fornire agli studenti momenti di incontro, confronto, dibattito. Riteniamo fondamentale la presenza di tali momenti e proponiamo lo svolgimento di periodiche assemblee di facoltà e di ateneo.

Nella convinzione che sia diritto degli studenti poter scegliere chi li rappresenta, crediamo fermamente nella necessità di riformare l’attuale sistema di elezione delle rappresentanze studentesche: in particolare tramite l’elezione diretta dei rappresentanti in Senato Accademico; mediante una revisione dei criteri che assegnano i rappresentanti ai diversi consigli di Facoltà; attraverso l’individuazione di meccanismi che consentano la costituzione di un Consiglio degli Studenti che rappresenti veramente il dato elettorale (e non tali per cui si scelgano ad Economia i rappresentanti di Giurisprudenza, seguendo logiche opportunistiche, com’è accaduto!).

Quanto detto finora si ispira ad un’effettiva tutela del diritto allo studio. Siamo infatti convinti che lo studio sia un diritto di tutti gli studenti, e non un privilegio di pochi. A questo proposito, riteniamo che gli studenti siano la componente fondamentale per il funzionamento di un’università, e, pertanto, ci dichiariamo contrari ad ogni indiscriminato aumento delle tasse o cieca riduzione degli orari delle biblioteche. Nella consapevolezza piena e profonda delle difficoltà economico-finanziarie in cui versa la nostra università, siamo disposti ad un confronto serio su queste tematiche che toccano nel vivo e da vicino il nostro “vivere” l’università, tuttavia non accetteremo (e nemmeno ratificheremo passivamente) imposizioni dall’alto e non rinunceremo a manifestare il nostro dissenso anche nelle occasioni pubbliche.

Il principio che intendiamo far nostro nella nostra attività di rappresentanti è quello della trasparenza, tale per cui non saremo solo presenti e rintracciabili, ma anche e soprattutto determinati nel perseguimento di tale principio nei vari organi in cui saremo eletti. In questo contesto deve essere situata anche la proposta e l’opportunità di rendere pubbliche le valutazioni della didattica.

Queste idee sono state discusse, condivise, apprezzate, nel corso di diversi incontri e riunioni, durante i quali abbiamo sentito il bisogno di definire il progetto intorno al quale ci vogliamo riconoscere e che vogliamo portare avanti nei prossimi anni. Vogliamo fare tesoro di questo percorso comune e condiviso, continuare a confrontarci, proseguire in questo lavoro di equipe.

Non vogliamo assolutamente rinchiuderci nei vari consigli o riunioni, perché crediamo davvero nel lavoro di squadra e nella rete che abbiamo creato!

Student Office

lista Student Office

La lista Student Office è nata diversi anni fa da un gruppo di amici che iniziò a interessarsi dei problemi riguardanti l'Università. Ora, dopo diversi anni, questo gruppo è cresciuto, si è arricchito di nuovi studenti che si appassionano e si interessano della vita e delle difficoltà che, come tutti, incontrano in Università. Si tratta di un'esperienza che continua nel tempo, di una proposta a tutti gli studenti per vivere l'università in tutti i suoi aspetti, condividendo insieme scelte e difficoltà. Per questo ci presentiamo come un gruppo vasto, eterogeneo, candidato in molte facoltà e negli organi maggiori di governo dell'Ateneo. Non siamo un partito e non dipendiamo da alcun partito. Da studenti l'università è per noi la realtà che viviamo quotidianamente e per diversi anni, proprio per questo oltre allo studio vogliamo approfondire questa nostra esperienza impegnandoci in ogni suo ambito. Lavoreremo per ascoltare, capire ed affrontare insieme le difficoltà e per difendere e valorizzare ciò che di positivo c'è.

Cosa proponiamo:

Nel mandato 2007- 2009, abbiamo ottenuto

www.audine.net | sito conforme W3C: XHTML 1.1, CSS | cerca
tutti i contenuti pubblicati, salvo diversa indicazione, sono soggetti alla licenza CC Creative Commons by-nc-nd 3.0